CASTELVETRANO – L’attività di controllo straordinario del territorio, posta in essere nei giorni scorsi dai militari della Compagnia Carabinieri di Castelvetrano (Trapani), ha portato all’arresto di due persone con l’accusa di furto aggravato e all’esecuzione di un accesso ispettivo in un panificio cittadino in cui sono stati rilevati illeciti penali e amministrativi che hanno determinato il sequestro di 650 chili di prodotti in pessimo stato di conservazione.

Nello specifico, lo scorso 4 ottobre, i militari della Stazione di Partanna, nell’ambito di un servizio finalizzato ad accertare eventuali prelievi irregolari di energia elettrica – svolto con personale della società “Enel Distribuzione s.p.a.”, hanno arrestato Francesco Paolo La Rocca, 57enne, e Ivan Brahem, 32enne, entrambi partannesi e noti alle forze dell’ordine. I predetti sono stati sorpresi mentre usufruivano arbitrariamente di energia elettrica nelle proprie abitazioni, prelevata tramite cavi portanti con la manomissione dei contatori dalla rete elettrica pubblica. Nel corso del servizio venivano deferiti in stato di libertà alla Procura della Repubblica di Sciacca altri quattro cittadini di Partanna per la medesima ipotesi di reato.

Nella giornata del 7 ottobre, a Castelvetrano, i militari della Stazione capoluogo, unitamente a personale del Nucleo Antisofisticazione e Sanità Carabinieri di Palermo e della locale Tenenza della Guardia di Finanza, hanno effettuato un approfondito controllo in un panificio di Castelvetrano. Nel corso dell’ispezione sono emersi illeciti sia sotto il profilo amministrativo che penale, infatti, è stata elevata una sanzione amministrativa pecuniaria ammontante a 1.000 euro per gravi carenze strutturali, mentre il legale responsabile dell’attività è stato deferito per detenzione di alimenti in cattivo stato di conservazione alla competente Procura della Repubblica, con contestuale sequestro probatorio di 650 chili di alimenti detenuti in cattivo stato di conservazione, insudiciati e alcuni provenienti da macellazione clandestina.

All’esito dell’attività ispettiva i militari hanno, inoltre, avviato le procedure di segnalazione all’Asp di Trapani, la quale determinerà i provvedimenti di competenza per quanto riguarda le violazioni di tipo amministrativo.

Gli appartenenti alla Guardia di Finanza, per la parte di competenza, hanno proceduto alla rilevazione del personale dipendente, al fine di eseguire i necessari approfondimenti istruttori.