calatabiano

CALATABIANO – La giunta comunale di Calatabiano ha approvato la “convenzione con il Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali per la gestione del patto di inclusione sociale”; ciò permetterà all’Ente di impiegare i beneficiari del reddito di cittadinanza in lavori di pubblica utilità, per un massimo di 8 ore settimanali.

I beneficiari del reddito di cittadinanza, “in coerenza con il profilo professionale”, sono infatti tenuti a offrire la propria disponibilità “per la partecipazione a progetti a titolarità dei Comuni, utili alla collettività, in ambito culturale, sociale, artistico, ambientale, formativo e di tutela dei beni comuni”.

I Comuni, attraverso la Piattaforma GePI (gestione dei Patti per l’inclusione sociale), predisposta dal Ministero del Lavoro e delle Politiche sociali, potranno verificare i requisiti anagrafici dei beneficiari del Reddito di Cittadinanza, attivare e gestire i Patti per l’inclusione sociale, nonché i Progetti utili alla collettività (Puc), cui saranno tenuti a partecipare i beneficiari reddito.

“Si tratta di una grande opportunità per il nostro Ente – ha dichiarato il sindaco Giuseppe Intelisanoche, nei mesi, ha visto una vera e propria emorragia di personale, rischiando di non poter espletare efficientemente i normali servizi. Attraverso questa convenzione il comune potrà quindi reclutare i beneficiari del reddito di cittadinanza che, sulla base delle proprie competenze lavorative e professionali, potranno partecipare a tutti i progetti utili alla nostra collettività”.

Loading...