RIPOSTO – Tavolo operativo in municipio con le rappresentanze dell’istituzione scolastica ripostese, l’amministrazione e tecnici sui termini della refezione scolastica e dell’introduzione della settimana corta a partire dal prossimo anno scolastico 2020-2021. Hanno preso parte alla riunione il sindaco Enzo Caragliano, l’assessore alla Pubblica Istruzione Carlo Copani, ai Lavori pubblici, Rosario Caltabiano, il funzionario comunale dell’Ufficio pubblica istruzione e refezione scolastica, Laura Vecchio, i funzionari tecnici Orazio Di Maria e Gregorio Alfonzetti, nonché la dirigente scolastica del comprensivo Verga, Cinthia D’Anna, la Vicaria Lea Messina, l’insegnante Inuccia Roccamena.

Dopo un ampio confronto tra le parti, relativamente all’attuazione della settimana corta, si sono valutati i benefici che questa scelta potrà avere sulla comunità ripostese, i termini della vivibilità della città e di incentivare l’aggregazione sociale.

In questo quadro è necessario organizzare ulteriori confronti per meglio ottimizzare i servizi resi dal Comune, tra cui quello del trasporto pubblico dei bus scolastici. Nell’ottica, poi, di potenziare il servizio di refezione scolastica, l’amministrazione d’intesa con la scuola, ha deciso di concentrare il predetto servizio nel plesso “Salvatore Quasimodo” di via Mario Carbonaro, ottimizzando, nel contempo, i servizi accessori.

Nel dettaglio, a partire dal prossimo anno scolastico, il funzionamento delle cinque classi di scuola primaria a tempo pieno e delle tre sezioni di scuola dell’infanzia, attualmente ubicate nel plesso Marano, avverrà nei locali del plesso Quasimodo primaria. Si renderà, quindi, necessario far funzionare tutte le classi di scuola primaria del plesso Quasimodo nei locali del plesso Marano. In questa direzione, dal punto di vista logistico, la prossima settimana sarà effettuato un sopralluogo del sindaco Enzo Caragliano e dei tecnici per verificare la fattibilità di collocare una scala antincendio esterna a servizio del secondo piano del plesso di scuola primaria dell’istituto Quasimodo, al fine di rendere fruibile l’intero piano e consentire l’allocazione delle nuove aule di tempo pieno. Ipotesi, quest’ultima, già da tempo al vaglio dell’amministrazione.

Il video del tavolo tecnico