Cateno De Luca

 Parole gravemente offensive, vilipendio alla Repubblica’ , questo il capo d’accusa della denuncia al sindaco De Luca.

Sono stati segnalati all’autorita’ giudiziaria i comportamenti tenuti dal sindaco di Messina “perche’ censurabili sotto il profilo della violazione dell’articolo 290 del Codice penale (Vilipendio della Repubblica, delle Istituzioni costituzionali e delle Forze armate)”.

La decisione, informa il Viminale, e’ stata assunta dal ministro dell’Interno, Luciana Lamorgese, “a seguito delle parole gravemente offensive, e lesive dell’immagine per l’intera istituzione che lei rappresenta, pronunciate pubblicamente e con toni minacciosi e volgari”.

Dal canto suo il sindaco De Luca in un video postato nella sua pagina Facebook  afferma:” Io la denucia me la prendo perchè mi darà modo di difendermi nelle sedi opportune.  Le forze dell’ordine hanno denunciato dieci persone approdate a Messina senza controlli. Se questo è un avvertimento per il sottoscritto,  ne prendo atto e vado avanti!”