CATANIA – “Il campo di hockey “Cardinale Dusmet” nella zona Nizzeti, ritorna fiore all’occhiello dell’impiantistica sportiva siciliana, come lo fu nel 1997 per lo svolgimento delle Universiadi a Catania”. Lo ha dichiarato su Facebook il sindaco Salvo Pogliese dopo la fine dei lavori di riqualificazione realizzati nell’impianto catanese di hockey su prato.

“La consegna dell’opera al Comune – ha aggiunto Pogliese – è avvenuta alla presenza dell’assessore allo sport Sergio Parisi, del responsabile della direzione comunale per le attività sportive Fabio Finocchiaro, del Delegato provinciale Coni Enzo Falzone e del direttore dei lavori nel campo di hockey Emanuele Perrotta. Martedì pomeriggio il presidente della federazione italiana hockey Sergio Mignardi sarà a Catania per riaprire simbolicamente le porte del Dusmet inutilizzabile da anni e ora finalmente a disposizione degli sportivi”.

Gli interventi principali all’impianto hanno riguardato il rifacimento del manto erboso in sintetico, la nuova illuminazione, gli spogliatoi e il tabellone elettronico segnapunti. “La ristrutturazione del campo Dusmet – ha affermato il sindaco di Catania – chiuso alle attività sportive da quattro anni, senza oneri per il Comune, è stata resa possibile grazie all’intervento della Federazione Italiana Hockey e alla disponibilità della nostra Amministrazione, che su proposta dell’assessore Sergio Parisi, nel febbraio 2019, in virtù di una convenzione tra il Comune di Catania e la Federazione hockey, ha adottato la delibera di approvazione del progetto”.

“Riabbracceremo presto non solo l’hockey ma tante altre discipline sportive pesantemente sacrificate dall’emergenza Covid-19. La proficua sinergia tra Coni, istituzioni e federazioni sportive portata avanti con competenza dall’assessore Sergio Parisi, riprende un percorso di sviluppo e sostegno per ritornare a fare sport ai massimi livelli a Catania. Questo avverrà anche grazie alla delibera della nostra Amministrazione che tende a valorizzare lo sport finanziando gli eventi sportivi di livello nazionale e internazionale, promuovendo il turismo e i pernottamenti di atleti e accompagnatori, con sostegni economici agli organizzatori. Un’operazione che va ripresa e rilanciata dopo il forzato blocco per il coronavirus, un’azione che serve a rilanciare anche il turismo, elemento di cui la nostra città ha urgente necessità”.