MASCALI – Il sindaco Luigi Messina punta il dito contro l’Amam di Messina sui prelievi – oltre 600 litri secondo – effettuati nel territorio comunale con pesanti ricadute nella fornitura idropotabile e danni al comparto agricolo (acque irrigue).