CATANIA – Nel pomeriggio dello scorso 18 luglio, personale delle Volanti ha denunciato in stato di libertà un uomo per il reato di maltrattamenti in famiglia, adottando nei suoi confronti la misura cautelare dell’allontanamento d’urgenza dalla casa familiare.

Nello specifico, intorno alle ore 15:30 equipaggi delle volanti venivano inviati in un’abitazione di via De Felice a seguito di una richiesta di intervento per un’accesa lite tra conviventi.

Sul posto la richiedente, in evidente stato di agitazione, riferiva che il compagno, un kosovaro di circa trent’anni, aveva da poco lasciato la casa familiare con il figlio di due anni e mezzo, dopo aver tentato di strangolarla e dopo averle procurato graffi nel collo e nelle braccia, a seguito di una banale lite.

Si apprendeva, inoltre, che le violenze fisiche e morali poste in essere dall’uomo nei confronti della compagna andavano avanti da diversi anni.

Nel corso dell’intervento si presentava presso l’abitazione l’uomo, ancora in evidente stato di alterazione psicofisica, che veniva immediatamente fermato e deferito in stato di libertà per il reato di maltrattamenti in famiglia e, su autorizzazione del P.M. di turno, allontanato d’urgenza dalla casa familiare in attesa della convalida della misura cautelare da parte del GIP.