ROMA – “Grave che le Commissioni Affari costituzionali e Ambiente della Camera abbiano bocciato la proposta di inserire il Ponte sullo Stretto tra le opere con procedura semplificata e accelerata previste nella lista del dl Recovery. Fratelli d’Italia è sempre stata a favore della realizzazione di questa opera strategica che avrebbe consentito non solo di collegare il Sud dell’Italia al resto del Paese, ma soprattutto per mettere in comunicazione l’Italia con l’Europa.

E’ un’occasione persa ed è assurdo che un’opera strategica come il Ponte non sia stata ricompresa nel PNRR visto che sarebbe stata fondamentale nell’ambito del grande corridoio europeo che parte dai Paesi scandinavi e passa per l’Italia. Senza considerare che il progetto a campata unica è in fase molto avanzata, rispetto a quello a tre campate, e in fase esecutiva, quindi bastava davvero poco per avviare la realizzazione del Ponte. Invece, l’ennesima opportunità perduta. Non solo per il Sud ma per tutta l’Italia. L’auspicio adesso è che nel passaggio qui in Senato il governo si ravveda inserendo all’interno del dl Recovery la costruzione del Ponte, garantendo così l’attraversamento stabile dello Stretto”. Lo dichiara la senatrice di Fratelli d’Italia Tiziana Drago. (ANSA)