CATANIA – Si è celebrato l’VIII Congresso Territoriale dell’SLP CISL Poste Italiane. Cento delegati eletti dalle assemblee nei posti di lavoro nelle settimane precedenti, si sono confrontati in riferimento le problematiche della categoria, ma non solo. Poste Italiane, un’azienda radicalmente trasformata, ha retto bene l’urto della pandemia e anche grazie al pressante e vigile presenza del sindacato a reso possibile la tutela dei lavoratori. Quest’ultimi sempre in prima fila ad erogare un servizio alla clientela esponendosi al rischio del virus.

Il Congresso, presieduto da Giuseppe Lanzafame, ha evidenziato, tramite la relazione della segretaria Carlotta Grasso, luci e ombre della categoria dei postali nella provincia. La Slp Cisl rappresenta quasi l’80% della forza lavoro della provincia. L’annosa e poco attenzionata carenza di risorse negli uffici postali al settore recapito alla sicurezza. La qualità del lavoro che presenta ritmi insostenibili di stress e, a volte, disorganizzazione, che crea conflittualità nei vari rami aziendali, sono stati evidenziati nella relazione.  Un dibattito di qualità e spunti per migliorare servizi e condizioni di lavoro proiettato al digitale, ecommerce, in un’azienda che eroga opportunità di vendita anche sull’ energia e gas. Direttori, quadri  richiedono seria formazione e meno burocrazia. Logistica, recapito da migliorare con strumenti che rendano esigibile obiettivi “umanizzati” per il lavoratore.

Il segretario generale Ust Cisl Catania Maurizio Attanasio si è soffermato, anche, sulle precarie condizioni strutturali, stradali e di dissesto idrogeologico della zona industriale di Catania che, da anni, non trova soluzioni mettendo in serie pericolo di vita le migliaia di lavoratori che, frequentando la zona, in caso di pioggia, compreso i lavoratori postali.  Le conclusioni sono state affidate al segretario regionale Salvo Di Grazia che, ringraziando il lavoro svolto della segreteria Nazionale, sollecita anche una soluzione per il precariato in poste. Circa cento part time nella provincia di Catania, recapito e sportelleria, che attendono da oltre 10 anni la loro trasformazione del rapporto di lavoro a full time. Settore sempre più attenzionato il post vendita, commerciale e operatori di sportello che  sono, non senza difficoltà, ormai dediti alla vendita di prodotti finanziari, rc auto, ecc. ecc.

Alla fine dei lavori sono stati eletti: Segretario Territoriale Carlotta Grasso, Segretario Aggiunto, Maurizio Mazzara, Segretario Organizzativo, Sergio Santapaola. Inoltre, affidata a Giuseppe Lanzafame, il dipartimento di mercato privati e P.c.l.. Riconfermati Coordinatori giovani, donne e quadri, rispettivamente, Alessandro Carpenzano, Graziana Zuccaro e Carmelo Billorello. Il consiglio direttivo, invece, è cosi composto: Barbara Baiunco, Dario Costanzo, Massimo Criscione, Francesco Grasso, Agata Palazzo, Nunzia Sainbene, Romano Francesco, Vincenzo Monachello e Vincenzo Saitta.