venerdì, Ottobre 7, 2022
HomeAttualitàCaro bollette MAAS, Angela Foti scrive a Musumeci: “Situazione seria e impellente”

Caro bollette MAAS, Angela Foti scrive a Musumeci: “Situazione seria e impellente”

CATANIA – L’onorevole Angela Foti, vice-presidente dell’Ars, ha scritto una lettera indirizzata al presidente della Regione Siciliana e agli assessori regionali, per segnalare la grave situazione che sta investendo la partecipata regionale MAAS – Mercati Agro Alimentari della Sicilia S.C.p.A. – a causa del caro bollette determinato dalle speculazioni nel mercato dell’energia.

«Gli eccessivi costi energetici stanno mettendo a grave rischio la capacità di pagamento da parte della società che, non essendo tutelata in alcun modo, dovrà ribaltare la stangata sugli operatori e potrebbe veder presto interrotta la fornitura di energia elettrica – dichiara Angela Foti. – Circostanza che si deve scongiurare a tutti i costi, tenuto conto che si tratta di un settore di pubblica utilità, avendo come oggetto sociale la distribuzione dei prodotti agro-alimentarie, non beneficia dei divieti di distacco previsti dallo Stato».

«Si precisa, inoltre, che il CDA della partecipata, al fine di raggiungere in tempi celeri l’autosufficienza energetica – aggiunge il vice-presidente dell’Ars – ha già definito un progetto a valere sui fondi messi a disposizione dal PNRR. Progettualità che ha comunque necessità di espletare l’iter burocratico e di realizzazione e che non può, quindi, evitare il tracollo del settore che si prospetta qualora si dovesse verificare un’interruzione delle forniture energetiche». «Per tali ragioni – conclude l’onorevole Foti – ritengo che la situazione possa definirsi seria e impellente. Chiedo perciò che, con un’urgente presa d’atto da parte del Governo regionale, si definisca la modalità opportuna per dare un sostegno economico straordinario e temporaneo alla società, per scongiurare la compromissione di un anello della distribuzione del cibo che genererebbe tragici scenari di tenuta economica e sociale in tutta la regione».

ULTERIORI NOTIZIE

NOTIZIE POPOLARI