Connect with us

POLITICA

Regione Siciliana, approvata la riforma della dirigenza. Schifani: «Rinnovare la macchina amministrativa»

Un’unica qualifica, articolata in aree di competenza e livelli di responsabilità, a cui si accederà solo attraverso concorso pubblico. È il cuore del disegno di legge sulla riforma della dirigenza dell’amministrazione regionale, a cui il governo Schifani ha dato il via libera, nella seduta di giunta di questa mattina, su proposta dell’assessore alla Funzione pubblica, Andrea Messina. Un provvedimento che interviene, a distanza di ventiquattro anni dall’emanazione della legge regionale 10 del 2000, sull’ordinamento della dirigenza della Regione Siciliana, al fine di allinearla a quella di tutti gli enti del comparto funzioni locali e di eliminare le criticità determinate dal mantenimento della cosiddetta terza fascia.

«Il mio governo pone finalmente un punto fermo nel processo di rinnovamento della macchina amministrativa regionale – afferma il presidente della Regione, Renato Schifani – Le condizioni attuali hanno reso impossibile procedere all’assunzione di nuovo personale dirigenziale, causando una situazione di sofferenza della dotazione organica non più tollerabile in un’amministrazione che voglia essere efficiente e vicina alle esigenze dei cittadini. Abbiamo ritenuto dunque prioritario, in vista di una stagione di ricambio generazionale anche del personale apicale, dare piena attuazione a una compiuta riforma della dirigenza. Auspico che il Parlamento regionale possa approvare a breve la norma, confidando che tutte le forze politiche possano dare il proprio contributo a portare a termine un obiettivo non più rinviabile». «Dopo un’attesa di oltre vent’anni, finalmente siamo riusciti a dare avvio all’iter di riforma della dirigenza regionale.

Un intervento necessario – sottolinea l’assessore alla Funzione pubblica, Andrea Messina – grazie al quale questo governo pone un correttivo alle criticità della legge 10 del 2000 e crea le condizioni per riorganizzare la macchina amministrativa con criteri più moderni e funzionali. Un’iniziativa da troppo tempo attesa che stabilisce regole certe e snelle nella copertura dei posti della dirigenza e consentirà, nel breve e medio termine, di far fronte all’esodo in corso a causa dei pensionamenti, aprendo anche all’immissione di nuove risorse umane qualificate e competenti». Nel dettaglio, la dirigenza regionale è ordinata in un’unica qualifica, senza alcun onere aggiuntivo per la finanza pubblica; i livelli di responsabilità e, di conseguenza, le retribuzioni, si differenziano in base agli incarichi attribuiti. Il ruolo unico è articolato in aree di competenza, anche al fine di tenere conto delle professionalità tecniche necessarie in alcuni rami dell’amministrazione.

L’accesso alla qualifica dirigenziale è ammesso per concorso pubblico, una percentuale non inferiore al 50% dei posti sarà destinata all’esterno dell’amministrazione regionale, una quota non superiore al 30% è riservata al personale interno che abbia compiuto almeno cinque anni di servizio nell’area immediatamente inferiore a quella dirigenziale e un’ulteriore quota non superiore al 15% al personale che abbia ricoperto o ricopra già un incarico dirigenziale. I dirigenti a tempo indeterminato in servizio alla data di entrata in vigore della riforma confluiranno nel medesimo ruolo unico.

Le funzioni sono stabilite dalla legge 10 del 2000 in relazione alla tipologia di incarico ricoperto e vengono distinte le funzioni dei dirigenti di struttura di massima dimensione e quelle degli altri dirigenti. Il trattamento economico accessorio si differenzia in ragione degli incarichi attribuiti e delle responsabilità connesse. Introdotta anche una norma per rendere più flessibile l’organizzazione regionale, snellendo la struttura amministrativa e rafforzando la gestione unitaria di servizi strumentali, attraverso la costituzione di uffici comuni e il riordino di alcuni di essi, così da eliminare duplicazioni o sovrapposizioni di strutture e funzioni.

POLITICA

Acireale, “Rischio e gestione della cenere vulcanica”: il Consiglio Comunale sensibilizza la Regione

Il Consiglio comunale di Acireale ha approvato ieri la mozione “Rischio e gestione cenere vulcanica”, presentata dal consigliere Lorenzo Leotta e condivisa all’unanimità dai presenti in civico consesso.

Giorni fa, dopo l’ultimo importante evento eruttivo, il primo cittadino Roberto Barbagallo aveva lanciato un SOS alla Regione Siciliana: “I Comuni etnei vengono periodicamente sommersi dalla sabbia vulcanica, non si tratta più di un evento straordinario, dobbiamo attrezzarci. Lancio un SOS al presidente della Regione e al direttore generale della Protezione Civile Salvo Cocina. E’ necessario acquistare mezzi e apparecchiature a servizio dei comuni della provincia diCatania. Noi sindaci supportati da uffici e dipendenti ci troviamo settimanalmente punto e a capo. E se per i turisti può essere suggestivo, per noi è un grande sacrificio in termini di costi, anche per i privati che devono ripulire case e attività, ed è anche un grande fastidio perché non si può vedere una città così piena di cenere”. La mozione, (in allegato) impegna il sindaco a rappresentare in tutte le sedi necessarie il punto di vista espresso dal Consiglio comunale.

Ringrazio il consiglio comunale per aver approvato all’unanimità dei presenti la mozione che ho presentato. Auspico che questo sia il primo passo verso un percorso che possa portare gli altri Consigli comunali della provincia di Catania e le rispettive Amministrazioni a fare sentire la propria voce presso la Regione Siciliana, – dichiara il consigliere primo firmatario Lorenzo Leotta-. La caduta della cenere vulcanica non può più essere demandata ai singoli comuni, ma urge realizzare un piano da parte della Protezione civile regionale, con mezzi e personale idonei, affinché tramite una gestione efficiente si abbia un notevole abbassamento dei rischi correlati”.

Intanto ad Acireale, parallelamente al servizio di pulizia, procede giornalmente secondo il calendario redatto dell’Area Ambiente, la raccolta porta a porta della cenere vulcanica contenuta nei sacchi esposti lungo i margini stradali.

Sulla mozione approvata dal Consiglio comunale interviene l’assessore all’Igiene Ambientale Salvo Licciardello: “L’Amministrazione comunale sostiene e condivide pienamente il documento approvato dal consiglio comunale, urge avere attenzione e sensibilità da parte degli organi superiori della Regione Siciliana innanzitutto. Il fenomeno della ricaduta della cenere vulcanica è un fenomeno naturale di portata eccezionale e i Comuni non possono essere lasciati da soli a gestire tale emergenza. Oggi ribadiamo che, con enorme difficoltà, stiamo affrontando l’ esigenza di ripulire il territorio e raccogliere la cenere vulcanica e l’auspicio è che la Regione Siciliana attenzioni la problematica sostenendo concretamente i Comuni nell’affrontare questa situazione sempre più frequente”.

Continua a leggere

POLITICA

Catania, inaugurazione nuove fermate della metro, Salvini: “Stiamo recuperando anni di dimenticanze”

Matteo Salvini

“E’ un bellissimo lunedì, caldo ma bello, perché inauguriamo due nuove fermate della metropolitana a Catania, a servizio di un ospedale e di un quartiere popolare. E’ soltanto l’inizio di un percorso che porterà la città e la sua provincia ad avere una delle metropolitane più estese d’Italia”: queste le parole del vicepremier e ministro delle Infrastrutture e Trasporti, Matteo Salvini, all’inaugurazione di due nuove fermate della metropolitana, Fontana e Monte Po, gestita dalla Ferrovia circumetnea, svoltasi a Catania.

“E’ uno dei tanti lavori e cantieri che sto seguendo da ministro – ha aggiunto – con quasi cento miliardi di euro per strade, autostrade e ferrovia in Sicilia e Calabria e quindi sono contento perché stiamo recuperando anni e anni di dimenticanze. Il Ponte sullo stretto porterà a una grande rete metropolitana che unirà Sicilia e Calabria, con nuove fermate anche a Messina. Stiamo correndo per restituire a siciliani e calabresi quel diritto alla mobilità e al lavoro che negli anni passati non hanno avuto”.

“Per quanto riguarda il Ponte sullo Stretto, l’obiettivo rimane quello di chiudere il progetto e aprire i cantieri entro quest’anno, e il fatto che l’Unione europea ci metta decine di milioni di euro vuol dire che come noi, come tanti siciliani crede nel progetto”.

Continua a leggere

POLITICA

Agrigento: il sindaco Francesco Miccichè azzera la Giunta Comunale e assume tutte le deleghe

Il sindaco di Agrigento, Francesco Miccichè, ha azzerato la giunta comunale avocando a sè tutte le deleghe degli assessori.

“A garanzia della coesione e dell’unitarietà dell’azione di governo col preciso obiettivo di perseguire con rafforzata unità il programma politico amministrativo e di rilanciarne la piena operatività” scrive Miccichè nella determinazione sindacale.

Continua a leggere

Notizie più lette