Connect with us

CULTURA

L’Oriente, sposa “La Via della Seta”

CATANIA – Ecco il momento che segna un incontro unico! Venerdì 10 Marzo, dalle ore 18.00 in poi, il Katane Palace Hotel, diretto da Selena Bino, a Catania, sarà proscenio perfetto per ammirare la promenade artistica e il défilé di due Maestre della moda: Yuko Shimokishi e Francesca Paternò.

Per l’occasione, l’Oriente percorre la “Via della Seta”. Ed è Pura Sinergia che s’interseca per plasmare nuove alleanze stilistiche. Qui, per la chance prevista, la singolare arte dell’engineering stylist Francesca Paternò, del noto Atelier “La Via della Seta, coniuga la sua stylistic performance con l’altera eleganza prefigurata da Yuko Shimokishi. In particolare, la stilista oriunda da Hiroshima, ma milanese d’adozione, persegue un’idea identitaria in voga. Uno stilema prezioso perfezionato nei secoli, peraltro testimone di talune mirabili memorie del tempo.

Yuko, dal canto suo, affabilmente imbastisce il suo talento alle sinuosità del passato e ripropone, con singolari movenze, l’arte del Kimono, nella riveduta versione cappotto. Così, la creazione per eccellenza di Yuko, o secondo le scie del gergo corrente, il suo capo di punta è il Kimonocappotto, proposto in una version policroma, nonché poliedrica nelle forme e nell’uso di pregevoli tessuti.

La kermesse pomeridiana sarà dilettata dalle armonie artistiche d’autore a cura del M° Giovanni Moncada, pianista, unitamente al M° Romano Pucci, flautista. Si ringrazia, poi, l’aggiuntiva collaborazione di Cantine Nicosia e Cascialab, che hanno contribuito, con il loro intervento, a dare un’ulteriore allure all’evento, concepito e creato all’insegna di Fashion&Arte

Ogni lettore, può divenire nostro spettatore… dunque, se hai colto l’invito, conseguentemente sei atteso!  

Continua a leggere
Clicca per commentare

You must be logged in to post a comment Login

Leave a Reply

CULTURA

Parchi in Sicilia, fondi del Pnrr per catalogazione e tutela. Scarpinato: “Musei a cielo aperto da proteggere”

Sono 151 i parchi e i giardini storici della Sicilia, pubblici e privati, che saranno inseriti nel Catalogo nazionale che il governo sta realizzando con i fondi del Pnrr, per accrescere la conoscenza scientifica di questo patrimonio naturale e promuovere azioni di valorizzazione e tutela. A questo scopo, la giunta regionale ha dato il via libera allo schema di accordo tra il ministero della Cultura e la Regione Siciliana per l’intervento di ricognizione e catalogazione digitale, finanziato con 45.300 euro di fondi del Piano nazionale di ripresa e resilienza (Missione 1 – Componente 3 – Misura 2 “Rigenerazione di piccoli siti culturali, patrimonio culturale, religioso e rurale”).

A occuparsene sarà l’assessorato regionale dei Beni culturali e dell’identità siciliana, attraverso l’omonimo dipartimento. «Attraverso questa iniziativa – dice l’assessore Francesco Paolo Scarpinato – interveniamo a tutela di un patrimonio culturale, ambientale e paesaggistico di assoluta rilevanza. I parchi e i giardini pubblici sono veri e propri musei a cielo aperto e spesso ospitano “monumenti viventi” che, a causa dei più recenti cambiamenti climatici, sono caratterizzati da una strutturale fragilità che dobbiamo conoscere e studiare approfonditamente per poterla affrontare». L’intervento del Pnrr prevede la digitalizzazione degli elementi raccolti, con l’obiettivo di rafforzare le competenze specialistiche di gestione e manutenzione di parchi e giardini storici, a supporto delle amministrazioni locali. Il progetto dovrà essere concluso entro il 30 dicembre 2025.

Continua a leggere

CULTURA

Istruzione, revoche in vista per i “diplomifici”. Turano: “Alta percentuale di irregolarità”

«Sintonia totale, un convinto plauso e la soddisfazione per il fruttuoso impegno comune con il ministro dell’Istruzione e del merito, Giuseppe Valditara, che ha annunciato l’avvio dei procedimenti di revoca per 47 istituti paritari di secondo grado tra Lazio, Campania e Sicilia. Le attività ispettive – dice l’assessore regionale dell’Istruzione e della Formazione professionale, Mimmo Turano – hanno riguardato 70 scuole nelle tre regioni e hanno evidenziato profili di irregolarità. I diplomi – sottolinea l’esponente del governo Schifani – si guadagnano e si conquistano con l’impegno e la dedizione autentica, non si comprano». Sulla situazione siciliana, l’assessore specifica che «ciò che risulta agli atti è una percentuale molto alta di procedure di avvio delle revoche a causa di rilevanti o gravi criticità, in rapporto al numero delle ispezioni svolte». «Esprimo apprezzamento – aggiunge Turano – per l’operato del direttore dell’Ufficio scolastico regionale per la Sicilia, Giuseppe Pierro, e soddisfazione per un’articolata iniziativa di contrasto che sarà presto, mi auguro, coronata dall’approvazione del disegno di legge governativo che fissa regole inflessibili sulla regolarità dei percorsi formativi nelle paritarie, atteso all’esame delle Camere. Ciò che stiamo facendo insieme con il governo nazionale – conclude – è anche a difesa del lavoro degli istituti paritari che seriamente, ogni giorno, formano i nostri ragazzi con trasparenza, correttezza e onestà, oltre che dei ragazzi stessi. Loro vanno aiutati a capire che studiare è un bene prezioso, non un ostacolo da superare con qualsiasi mezzo».

Continua a leggere

CULTURA

Acireale: il programma del secondo weekend del “Festival dell’Opera dei Pupi”

Arriva il secondo week end del Festival dell’Opera dei Pupi ad Acireale. Le lotte dei Paladini di Francia contro i Saraceni torneranno a emozionare tantissimi bambini e adulti grandi bambini e Acireale continuerà a ricordare il grande puparo Emanuele Macrì, nel cinquantesimo anniversario della sua scomparsa.

Oggi, venerdì 14 giugno, alle ore 18:30 e ore 20:30 al Cinema Margherita in via Cavour sarà proiettato il film “TURI E I PALADINI”, regia di A. D’Alessandro. Interverrà l’attore Gianni Sineri. Introdurrà Mario Patanè, esperto di cinematografia.

Tanti spettacoli sono in programma nel fine settimana nel Teatro dei Pupi e in piazza Alfio Grassi.

Domani, sabato 15 giugno, alle ore 18:00 nel Teatro Opera dei Pupi Emanuele Macrì di Via Alessi andrà in scena lo spettacolo a cura della Compagnia “I Paladini” di Scalia Orazio (Acireale).

Alle ore 20.30 in Piazza Alfio Grassi è in programma lo spettacolo a cura dell’Antica Compagnia Opera dei Pupi Famiglia Puglisi (Siracusa). Introdurrà il prof. Giovanni Vecchio.

Domenica 16 giugno alle ore 11:00 nel Teatro dell’ Opera dei Pupi Emauele Macrì di Via Alessi si terrà il primo spettacolo del giorno a cura della Compagnia “I Paladini” di Scalia Orazio (Acireale), che replicherà alle ore 18:00.

Alle ore 20:30 in Piazza Alfio Grassi si terrà lo spettacolo a cura dell’Associazione Arte Pupi Fratelli Napoli (Catania).

Torneranno anche le estemporanee e i laboratori con le botteghe artigiane di maestri pupari, pittori e scultori in via Alessi, l’esposizione di carretti siciliani, a far da cornice agli spettacoli in piazza e la Mostra fotografica “Emanuele Macrì. L’uomo, l’artista”.

Il Festival dell’Opera dei Pupi sarà anche l’occasione per visitare la “Mostra della Raccolta Teatro Pennisi – Macrì di Acireale, dei pupi e delle attrezzature di teatri siciliani”, ospitata nei locali annessi al Teatro, che nelle giornate del Festival resta aperta dalle 9:00 alle 22:00 con orario continuato.

Continua a leggere

Notizie più lette