Connect with us

POLITICA

Schifani e Galvagno: “La bocciatura all’Ars del voto sulle Province deriva da più forze politiche, non da un solo gruppo parlamentare”

A Palazzo dei Normanni, si è concluso l’incontro tra il presidente della Regione siciliana Renato Schifani e il presidente dell’Assemblea regionale siciliana Gaetano Galvagno.

In una nota della presidenza dell’Ars si legge che dall’incontro è emerso ancora una volta un rapporto solido tra le due istituzioni, a differenza di quanto è accaduto, spesso, nel passato più o meno recente.

“A proposito del voto di ieri sulle Province, prosegue la nota, si è convenuto sul fatto che la mancanza dei voti necessari per l’approvazione del disegno di legge fosse imputabile a più forze politiche e non a un solo gruppo parlamentare.
Sia il presidente Schifani che il presidente Galvagno hanno espresso il proprio rammarico per il fatto che i deputati che hanno votato contro il ddl non abbiamo manifestato il loro intendimento prima del voto d’Aula, fornendo invece ampie rassicurazioni al presidente della Regione, poi smentite dai fatti”.

I due presidenti hanno anche concordato sul fatto che incidenti di questo tipo non siano più accettabili, a maggior ragione su temi che rappresentano i pilastri del programma di governo, pertanto il presidente Schifani ha comunicato al presidente Galvagno che, nel caso in cui fatti del genere dovessero ripetersi, verranno assunte decisioni politicamente importanti.

POLITICA

Acireale, approvato in Consiglio Comunale il Documento Unico di Programmazione 2024/2026

Ad Acireale, l’ Amministrazione Comunale, ha approvato, in Consiglio Comunale, il Documento Unico di Programmazione 2024/2026. 

Il sindaco Roberto Barbagallo, a tal proposito, ha spiegato la visione della città e gli interventi strategici: “Il DUP 2024 è il primo documento di programmazione voluto, redatto e approvato dall’Amministrazione Barbagallo e dal Consiglio Comunale. All’interno del Documento unico di programmazione troviamo il piano triennale delle opere, il programma del fabbisogno del personale, il piano delle  alienazioni e valorizzazione dei beni patrimoniali. Il piano triennale è stato aggiornato con ben 70 progetti in un mese e mezzo, considerato che l’ultimo bilancio è stato approvato a dicembre. Gli interventi strategici sono progetti volti alla vivibilità, alla mobilità, alla riqualificazione urbana, ad una città più turistica. Sono interventi che riguardano il centro storico e tutte le frazioni. Abbiamo redatto un piano parcheggi che coinvolge centro e frazioni, ogni frazione avrà un progetto, e speriamo un parcheggio, per migliorare la vivibilità, in particolare le frazioni a mare potranno così avere aree pedonalizzate e diventare in estate veri centri di attrazione. Abbiamo una programmazione di parcheggi intorno al centro storico, che dovrà essere sempre più pedonalizzato. L’idea è di valorizzare i nostri beni e offrire la possibilità di passeggiare in mezzo al barocco. Vogliamo creare e ristrutturare contenitori che abbiano contenuti che vanno gestiti e offerti ai turisti. Ringraziamo gli Uffici che con grande abnegazione hanno lavorato per tutti gli obiettivi indicati dall’Amministrazione. Adesso sarà compito nostro trovare i finanziamenti per realizzare queste opere importanti per lo sviluppo della città. Non dimentichiamo che finalmente sono arrivate delle offerte per il bando per la realizzazione della fermata Cappuccini, siamo molto contenti e tocca a noi realizzare intorno alla futura stazione ferroviaria una serie di servizi e parcheggi scambiatori che diano supporto a cittadini e turisti”. 

L’assessore ai Lavori Pubblici Salvo Licciardello si sofferma sulle 180 opere previste nel Piano e dichiara: “Sono 180 in totale le opere previste dal Piano, di cui ben 70 i nuovi progetti da noi inseriti. Si va dal piano parcheggi alle infrastrutture viarie, dagli interventi sui porti all’edilizia scolastica ed ancora le grandi incompiute e le infrastrutture sportive. Allegato al Piano Triennale vi è l’elenco annuale che prevede ben 12 opere che già quest’anno saranno concretamente avviate. La sfida più grande rimane quella di riuscire a reperire i fondi necessari a far si che le opere previste dal Piano Triennale, presto diventino infrastrutture utili ad uno sviluppo ordinato della nostra città”.

Continua a leggere

POLITICA

Taormina: il Palazzo dei Congressi ospiterà l’Assemblea Nazionale di ”Sud Chiama Nord”

Tutto è pronto per l’ Assemblea Nazionale di Sud Chiama Nord, che si terrà a Taormina presso il Palazzo dei Congressi nei giorni 1 e 2 marzo.

L’evento rappresenta un momento cruciale per il movimento, durante il quale verranno discusse strategie e progetti per le europee.

La presidente di “Sud Chiama Nord”, Laura Castelli, ha dichiarato: “L’Assemblea Nazionale è un momento di fondamentale importanza per il nostro movimento, che ne certificherà la crescita e il radicamento in tutta Italia. Sarà l’occasione per discutere le sfide che ci attendono e per elaborare soluzioni concrete per un’Europa diversa che valorizzi la sovranità dell’Italia. Invito tutti i nostri iscritti, amici e simpatizzanti a partecipare attivamente e a condividere questo evento, perché insieme possiamo fare la differenza.”

Il tema dell’evento, “La Libertà è una conquista: non si può stare a guardare”, sottolinea l’importanza di agire attivamente per preservare e difendere la libertà come un bene conquistato, che non può essere dato per scontato ed ogni giorno sempre più calpestato. “Meno Europa, più equità”, questo il filo conduttore della loro strategia che evidenzia l’impegno, mirato alla riduzione dell’eccessiva centralizzazione europea, al fine di modificare il rapporto con i singoli Stati finalizzato al superamento dei cronici divari territoriali socio economici.

Continua a leggere

CRONACA

Ponte sullo Stretto di Messina, Salvini: “Opera pubblica con un unicum, è indagata ancor prima di iniziarne la realizzazione”

Ponte sullo Stretto “è un’opera pubblica con un unicum: è indagata ancor prima di cominciare”: ad affermarlo, il leader della Lega Matteo Salvini.

Sulla realizzazione si è espresso anche Pietro Ciucci, amministratore delegato della società stretto di Messina: “Si punta al massimo del risultato e il massimo che si può fare è arrivare entro giugno al Cipes e avviare i lavori in estate. Stiamo trasmettendo la documentazione appena approvata, il 15 febbraio, dal cda ai ministeri competenti per la conferenza dei servizi e per le valutazioni di impatto ambientale”.

Continua a leggere

Notizie più lette