Connect with us

POLITICA

Palermo, in funzione la fermata “De Gasperi”. Schifani: «Impegno con Rfi per la qualità dei trasporti in Sicilia»

«Con la nuova fermata De Gasperi, attesa da 11 anni, si fa un ulteriore e decisivo passo avanti verso la conclusione dei lavori del passante ferroviario di Palermo». Lo ha detto il presidente della Regione Siciliana, Renato Schifani, che ha partecipato alla cerimonia di inaugurazione. «Siamo fieri di essere presenti a giornate come queste – ha proseguito il governatore – in cui si raggiungono traguardi importanti per la nostra Isola. È dello scorso settembre, per esempio, l’apertura della fermata Tonnara Orsa di Cinisi, dopo il ripristino della stazione che era in stato di abbandono da anni. Un grande lavoro, anche su impulso e richiesta della Regione, lo sta facendo Dario Lo Bosco, che a capo di Rfi sta lavorando in maniera strategica e con investimenti significativi per il miglioramento della qualità dei trasporti sull’Isola. Come Regione confermiamo il sostegno a queste iniziative, anche di carattere finanziario se ve ne dovesse essere la necessità in futuro».

La realizzazione della fermata interrata De Gasperi in via Monti Iblei (tra via De Gasperi e via Belgio) da parte del raggruppamento temporaneo d’imprese composto da Europea 92 S.p.a., Consorzio Stabile Research Società consortile ed Europea International S.p.a., è una delle opere previste lungo la tratta Notarbartolo-Ems La Malfa dal valore di 12 milioni di euro che rientra nell’ambito degli interventi del passante ferroviario eseguiti da Rete ferroviaria italiana, società capofila del Polo infrastrutture del Gruppo Fs, che ha attivato 5 km di nuovo binario in ambito urbano con cinque stazioni/fermate, di cui tre nuove fermate interrate. La fermata, operativa dall’1 luglio, si inserisce nel progetto di raddoppio della linea nella tratta Palermo Centrale/Brancaccio–Punta Raisi, nonché il principale asse di collegamento tra il capoluogo palermitano e i Comuni attigui, fino all’aeroporto “Falcone e Borsellino” di Punta Raisi e la provincia di Trapani. «Con l’inaugurazione di oggi – dice l’assessore regionale alle Infrastrutture e alla mobilità, Alessandro Aricò – accresciamo la capillarità del servizio su rotaia nella città di Palermo. Tra l’altro, procedono anche i lavori per il completamento dell’anello ferroviario e siamo certi che già nel 2025 potremo inaugurare anche le fermate Porto e Politeama e, a seguire, Turrisi Colonna e il collegamento con la stazione Notarbartolo. Si tratta di un servizio fondamentale per gli utenti. La Regione sta anche finanziando il biglietto integrato con i bus. Il governo Schifani, inoltre, è impegnato a sostenere l’aumento delle corse sul passante ferroviario per l’aeroporto. Entro il 2029 speriamo di chiudere il cerchio con il collegamento tra anello e passante. La collaborazione con Fs e Trenitalia sta dando ottimi risultati per il potenziamento della qualità della mobilità non solo a Palermo ma in tutta la Sicilia».

POLITICA

Acireale, “Rischio e gestione della cenere vulcanica”: il Consiglio Comunale sensibilizza la Regione

Il Consiglio comunale di Acireale ha approvato ieri la mozione “Rischio e gestione cenere vulcanica”, presentata dal consigliere Lorenzo Leotta e condivisa all’unanimità dai presenti in civico consesso.

Giorni fa, dopo l’ultimo importante evento eruttivo, il primo cittadino Roberto Barbagallo aveva lanciato un SOS alla Regione Siciliana: “I Comuni etnei vengono periodicamente sommersi dalla sabbia vulcanica, non si tratta più di un evento straordinario, dobbiamo attrezzarci. Lancio un SOS al presidente della Regione e al direttore generale della Protezione Civile Salvo Cocina. E’ necessario acquistare mezzi e apparecchiature a servizio dei comuni della provincia diCatania. Noi sindaci supportati da uffici e dipendenti ci troviamo settimanalmente punto e a capo. E se per i turisti può essere suggestivo, per noi è un grande sacrificio in termini di costi, anche per i privati che devono ripulire case e attività, ed è anche un grande fastidio perché non si può vedere una città così piena di cenere”. La mozione, (in allegato) impegna il sindaco a rappresentare in tutte le sedi necessarie il punto di vista espresso dal Consiglio comunale.

Ringrazio il consiglio comunale per aver approvato all’unanimità dei presenti la mozione che ho presentato. Auspico che questo sia il primo passo verso un percorso che possa portare gli altri Consigli comunali della provincia di Catania e le rispettive Amministrazioni a fare sentire la propria voce presso la Regione Siciliana, – dichiara il consigliere primo firmatario Lorenzo Leotta-. La caduta della cenere vulcanica non può più essere demandata ai singoli comuni, ma urge realizzare un piano da parte della Protezione civile regionale, con mezzi e personale idonei, affinché tramite una gestione efficiente si abbia un notevole abbassamento dei rischi correlati”.

Intanto ad Acireale, parallelamente al servizio di pulizia, procede giornalmente secondo il calendario redatto dell’Area Ambiente, la raccolta porta a porta della cenere vulcanica contenuta nei sacchi esposti lungo i margini stradali.

Sulla mozione approvata dal Consiglio comunale interviene l’assessore all’Igiene Ambientale Salvo Licciardello: “L’Amministrazione comunale sostiene e condivide pienamente il documento approvato dal consiglio comunale, urge avere attenzione e sensibilità da parte degli organi superiori della Regione Siciliana innanzitutto. Il fenomeno della ricaduta della cenere vulcanica è un fenomeno naturale di portata eccezionale e i Comuni non possono essere lasciati da soli a gestire tale emergenza. Oggi ribadiamo che, con enorme difficoltà, stiamo affrontando l’ esigenza di ripulire il territorio e raccogliere la cenere vulcanica e l’auspicio è che la Regione Siciliana attenzioni la problematica sostenendo concretamente i Comuni nell’affrontare questa situazione sempre più frequente”.

Continua a leggere

POLITICA

Catania, inaugurazione nuove fermate della metro, Salvini: “Stiamo recuperando anni di dimenticanze”

Matteo Salvini

“E’ un bellissimo lunedì, caldo ma bello, perché inauguriamo due nuove fermate della metropolitana a Catania, a servizio di un ospedale e di un quartiere popolare. E’ soltanto l’inizio di un percorso che porterà la città e la sua provincia ad avere una delle metropolitane più estese d’Italia”: queste le parole del vicepremier e ministro delle Infrastrutture e Trasporti, Matteo Salvini, all’inaugurazione di due nuove fermate della metropolitana, Fontana e Monte Po, gestita dalla Ferrovia circumetnea, svoltasi a Catania.

“E’ uno dei tanti lavori e cantieri che sto seguendo da ministro – ha aggiunto – con quasi cento miliardi di euro per strade, autostrade e ferrovia in Sicilia e Calabria e quindi sono contento perché stiamo recuperando anni e anni di dimenticanze. Il Ponte sullo stretto porterà a una grande rete metropolitana che unirà Sicilia e Calabria, con nuove fermate anche a Messina. Stiamo correndo per restituire a siciliani e calabresi quel diritto alla mobilità e al lavoro che negli anni passati non hanno avuto”.

“Per quanto riguarda il Ponte sullo Stretto, l’obiettivo rimane quello di chiudere il progetto e aprire i cantieri entro quest’anno, e il fatto che l’Unione europea ci metta decine di milioni di euro vuol dire che come noi, come tanti siciliani crede nel progetto”.

Continua a leggere

POLITICA

Agrigento: il sindaco Francesco Miccichè azzera la Giunta Comunale e assume tutte le deleghe

Il sindaco di Agrigento, Francesco Miccichè, ha azzerato la giunta comunale avocando a sè tutte le deleghe degli assessori.

“A garanzia della coesione e dell’unitarietà dell’azione di governo col preciso obiettivo di perseguire con rafforzata unità il programma politico amministrativo e di rilanciarne la piena operatività” scrive Miccichè nella determinazione sindacale.

Continua a leggere

Notizie più lette