Connect with us

SPETTACOLO

Una Ragazza per il Cinema, sold out in occasione della selezione ufficiale a “Le Zagare”

SAN GIOVANNI LA PUNTA – Già iniziate le selezioni in tutta Italia, della 35esima Edizione del Concorso Nazionale di Bellezza e Talento “UNA RAGAZZA PER IL CINEMA”, in vista dell’attesissima Finale Nazionale, che si svolgerà, in Sicilia, nello splendido scenario del Teatro Antico di Taormina, domenica 10 settembre 2023, organizzata dai Patron Antonio Lo Presti e Daniela Eramo.

Sold out al Parco Commerciale “Le Zagare”, a San Giovanni La Punta, domenica 23 luglio 2023, grande spettacolo, in occasione della seconda tappa delle selezioni ufficiali di “Una Ragazza per il Cinema”.

In programma, tra una sfilata e l’altra, in cui le concorrenti si sono contesi l’accesso al palcoscenico del Teatro Antico di Taormina per la Finale Nazionale, anche momenti di spettacolo il noto comico Carmelo Caccamo e il suo esilarante personaggio, “La Signora Santina”. Non sono mancati momenti di danza con l’accademia di Danza “I Have a Dream” di Elisa Percolla.

A condurre la serata, è stata la coppia ormai collaudata, Cristiano Di Stefano e Naomi Moschitta.

Vanno in finale regionale: Arianna D’Amore, 19 anni di Acireale, Gaia Frisciotti 19 anni di Catania, Gaia Di Giorgio 17 anni di Siracusa, Ester Todaro 19 anni di Misterbianco, Asia Daidone 18 anni di Palermo.

Fascia “Le Zagare”, Martina Spampinato 17 anni di San Giovanni La Punta).

Invece, va in Finale Nazionale a Taormina: Lorena Luca (Giarre).

Momenti di danza con “I Have a Dream” di Elisa Percolla.

Responsabili organizzativi: Alessandro Bonaccorso, Gina Aloisio, Tiziana Di Mauro, Antonio Licitra. Fotografo Ufficiale Enzo Raineri.

SPETTACOLO

Acireale: grande partecipazione agli spettacoli organizzati in occasione della III edizione del festival dell’Opera dei Pupi

Grande successo per la III edizione del Festival dell’Opera dei Pupi ad Acireale. Gli spettacoli, le botteghe e le estemporanee dei maestri pupari e degli artigiani sono stati apprezzatissimi non solo dai turisti.

Le storie di Orlando, Rinaldo e Angelica, le lotte dei Paladini di Carlo Magno contro i Saraceni hanno richiamato in piazza Alfio Grassi e nel Teatro dei Pupi Emanuele Macrì migliaia di appassionati e curiosi di tutte le età.

La terza edizione del Festival dell’Opera dei Pupi è stata anche contraddistinta dal ricordo del grande puparo acese Emanuele Macrì, nel cinquantesimo anniversario della sua scomparsa.

Venerdì sera al Cinema Margherita è stato proiettato il film girato ad Acireale nel 1978 “Turi e i Paladini” del regista di Angelo D’Alessandro, alla presenza degli attori Gianni Sineri, Nerina Chiarenza e Fiorenzo Napoli e di Emanuele Giardina, nipote di don Emanuele Macrì. L’introduzione è stata curata da Mario Patanè, esperto di cinematografia.

Affluenza oltre le aspettative per tutti gli spettacoli sia nel Teatro dei Pupi, dove si è esibita la Compagnia acese”I Paladini” di Orazio Scalia, sia in piazza Alfio Grassi, dove sono andati in scena gli ultimi due attesissimi spettacoli curati dalle migliori compagnie siciliane. Sabato sera sul palco il grande spettacolo curato dall’Antica Compagnia Opera dei Pupi Famiglia Puglisi di Siracusa e domenica gran finale con la suggestiva e raffinata “Rovenza Incantata” dell’Associazione Arte Pupi Fratelli Napoli di Catania.

Abbiamo voluto chiudere in bellezza questa esaltante edizione del Festival ospitando l’eccellenza con la Compagnia dei Fratelli Napoli, che tramanda l’arte e la tradizione dei pupi siciliani da cinque generazioni. Il Festival è stato un grande successo con il coinvolgimento di centinaia di spettatori nelle varie serate e con tante presenze di turisti, affascinati dalla magia dell’opera dei pupi e dalle storie di Orlando, Rinaldo, Angelica e dei paladini di Francia. Un grazie particolare ai Maestri pupari, sia quelli acesi che quelli giunti dalle altre parti della Sicilia, che con la loro grande perizia hanno reso “viva” l’epica dei pupiSono venuti a trovarci da ogni parte d’Italia e di questo ne terremo conto e faremo in modo che nel Teatro dei Pupi continui a vivere e si continui a respirare l’esperienza del grande Emanuele Macrì”, – ha dichiarato l’assessore alla Cultura Enzo Di Mauro, sul palco con la vicepresidente della Commissione consiliare Cultura Teresa Pizzo.

Abbiamo visto un’Acireale viva e bellissima, con un’atmosfera incantevole. Il successo registrato e l’entusiasmo manifestato in queste settimane non lascia dubbi sul fatto che l’esperienza dell’Opera dei Pupi non possa concludersi col Festival, che  ci ha confermato il valore della nostra tradizione e quanto sia non solo attrattiva per i turisti, ma amata dai bambini e dalle famiglie. In via Alessi abbiamo un piccolo tesoro che va valorizzato e aperto a tutti. Non ci fermeremo qui, -annuncia il sindaco Roberto Barbagallo-. L’Opera dei Pupi sarà inserita nel programma estivo e ci metteremo subito al lavoro per programmare nel modo migliore la gestione del Teatro Emanuele Macrì”.

Anche gli studenti dell’I.C. Giovanni XXIII sono stati protagonisti dell’ultimo fine settimana del Festival. Con i loro costumi da Paladini della natura e della cultura siciliana e con il contributo del Danzastorie Alosha si sono esibiti in MEZZA PAROLA in via Alessi e sulla Terrazza del Museo.

La “Mostra della Raccolta Teatro Pennisi – Macrì di Acireale, dei pupi e delle attrezzature di teatri siciliani”, ospitata nei locali annessi al Teatro, con la Mostra fotografica “Emanuele Macrì. L’uomo, l’artista” nelle giornate del Festival hanno registrato un migliaio di visitatori.

Grande interesse hanno suscitato anche le estemporanee e i laboratori con le botteghe artigiane di maestri pupari, pittori e scultori in via Alessi, radunati dall’Assessorato alle Attività Produttive retto da Laura Toscano, e l’esposizione di carretti siciliani, a far da cornice agli spettacoli in piazza.

Continua a leggere

SPETTACOLO

Taormina, il 4 luglio serata di beneficienza al Teatro Antico a supporto del CCPM: presente anche Fiorello

Serata unica di beneficenza al Teatro Antico di Taormina, in programma il 4 luglio, a supporto del Centro Cardiologico Pediatrico del Mediterraneo.
È annunciata la presenza di: Rosario Fiorello, Gianfranco Jannuzzo, I Soldi Spicci, l’Orchestra a Plettro Città di Taormina e il molleggiato Samuele Spina.

Un’idea che sta molto a cuore, tra gli altri, al presidente del consiglio comunale di Taormina, Pinuccio Composto. A presentare l’evento sarà il conduttore televisivo Salvo La Rosa.
Questa serata speciale, organizzata dal Ccpm in sinergia con il Comune di Taormina, ha l’obiettivo di raccogliere fondi per sostenere il centro nelle sue operazioni di assistenza cardiochirurgica a bambini provenienti non solo dalla Sicilia, ma anche dal resto del Mediterraneo e dal Sudamerica.

L’evento rappresenta una delle cinque date a disposizione del Comune di Taormina per l’utilizzo del Teatro Antico, sottolineando l’importanza e l’impegno dell’Amministrazione comunale nel supportare cause di grande rilevanza sociale.

Continua a leggere

SPETTACOLO

Beni culturali, Scorsese sceglie la Sicilia per il film. Scarpinato: “Grandissimo ritorno d’immagine”

Martin Scorsese sceglie la Sicilia per girare un docufilm sui naufragi dell’antichità. Il nuovo lavoro del famosissimo e pluripremiato regista americano sarà basato su un progetto dell’archeologa subacquea Lisa Briggs, docente e ricercatrice dell’Università di Cranfield in Inghilterra, e sarà coprodotto dall’assessorato dei Beni culturali della Regione Siciliana, da “Sikelia Productions” che fa capo allo stesso Scorsese, da Sunk Costs Producions, Chad A. Verdi e LBI Entertainment.

«Abbiamo accolto con entusiasmo l’iniziativa – ha detto l’assessore Francesco Paolo Scarpinato – mettendo a disposizione tutti i siti, i parchi archeologici e i musei di pertinenza dell’assessorato, considerata la rilevanza del progetto e il grandissimo ritorno d’immagine per la Sicilia e per il suo patrimonio culturale». 

Le riprese saranno realizzate nel corso dell’estate oltre che nel Canale di Sicilia, con la collaborazione della Soprintendenza del mare per tutta la parte marina e subacquea, anche nel Trapanese, ovvero nel parco archeologico di Selinunte, nel sito di Marsala-Lilibeo, delle Cave di Cusa, a Pantelleria, a Marausa – dove è recente il ritrovamento del relitto “Marausa 2”-  e, ancora, al  museo del Satiro danzante di Mazara del Vallo, al museo regionale Agostino Pepoli di Trapani, e, infine, al museo archeologico regionale Salinas di Palermo. Tra le location prescelte ci sono, inoltre, la Tonnara di Favignana, l’isola di Mozia, Erice mentre, in provincia di Palermo, Polizzi Generosa, cittadina d’origine dei nonni del regista. Altri luoghi sono ancora in corso di individuazione. 

Continua a leggere

Notizie più lette