Connect with us

SPETTACOLO

Acireale, festival del Teatro Scolastico “Chi è di Scena”: stamane si è concluso il primo seminario di didattica teatrale riservato ai docenti

Si è concluso stamane, il primo Seminario di Didattica teatrale organizzato dal Comune di Acireale nell’ambito delle attività propedeutiche al Festival del Teatro Scolastico “Chi è di Scena”.

L’Assessorato alla Pubblica Istruzione punta sul teatro come attività formativa fondamentale per lo sviluppo e la crescita di bambini e ragazzi. Su richiesta dei docenti, che hanno partecipato con grande entusiasmo, è stato programmato un secondo incontro nella Sala conferenze del Centro culturale “Pinella Musmeci” che ha visto la partecipazione dei docenti di tutti gli Istituti comprensivi,di qualche Istituto superiore, dell’Eris e di persone del mondo della formazione.

Ha condotto il laboratorio il regista Davide Pulvirenti, che ha evidenziato l’importanza di dare ai docenti la possibilità di avere consapevolezza degli strumenti utili a gestire un laboratorio teatrale. “L’Assessorato decide di investire sulla formazione culturale artistica dei docenti, che non è importante solo per preparare lo spettacolo, ma per essere in grado di formare a propria volta gli studenti a creare reciprocità, gruppo, dinamiche positive e a superare difficoltà attraverso l’educazione teatrale”.

Erano presenti anche i giurati del Festival Chi è di Scena, professionisti volontari che partecipano fattivamente al percorso formativo di didattica teatrale.

“L’attività teatrale fatta a scuola non deve essere vista come un’offerta extracurricolare, viene riconosciuta al teatro una funzione didattico-educativa ed ha una grande utilità sia per la formazione dell’individuo che per lo sviluppo di competenze comunicative e relazionali. Grazie alle tecniche teatrali si accresce la fiducia in sé stessi e si sviluppa l’autostima, ha sottolineato il vicesindaco e assessore alla Pubblica Istruzione Valentina Pulvirenti. Pertanto, ho ritenuto opportuno che arrivassimo al Festival del teatro scolastico partendo da un percorso di formazione dei docenti che si rifletterà poi sugli studenti, attraverso i laboratori teatrali. Grazie all’impegno della dottoressa Carmela Borzì e dell’Ufficio, delle professionalità coinvolte e grazie alla partecipazione attiva dei dirigenti scolastici e dei docenti abbiamo le risorse giuste per far crescere di anno in anno questa manifestazione”.


   

SPETTACOLO

Taormina Film fest: Marco Müller è il nuovo direttore artistico che guiderà la 70esima edizione

Marco Muller è il nuovo direttore artistico della 70/a edizione del Taormina Film Fest, che si svolgerà quest’anno dal 12 al 19 luglio: ad annunciarlo, il commissario straordinario della Fondazione Taormina Arte Sicilia, Sergio Bonomo, sottolineando come “l’apporto professionale del maestro sarà volano di successi per il prestigioso evento cinematografico”.

Promosso e organizzato dalla Fondazione Taormina Arte Sicilia con il sostegno dell’assessorato del Turismo dello Sport e dello Spettacolo della Regione Siciliana, della Sicilia film commission, del Comune di Taormina e del Ministero della Cultura, il Taormina Film Fest si articolerà fra anteprime nazionali e internazionali, masterclass, retrospettive e incontri con ospiti di prestigio dal 12 al 19 luglio 2024.

“Felice di lavorare in Sicilia per ritrovare le mie radici – sono nato e cresciuto a Roma, ma il mio unico quarto di sangue italiano è palermitano”, commenta Marco Müller la sua nomina “ringraziando tutte le persone, nelle istituzioni e fra gli amici del cinema, che hanno costruito per me questa opportunità di sperimentare a Taormina il pensiero in movimento di come si può ancora fabbricare un festival popolare utile”, purché “ci sia la volontà di capire cosa vuol dire voler davvero ‘restare al Sud’, ci sono tentativi di rinnovamento che hanno un senso preciso” Produttore, studioso, docente di cinema e da più di 40 anni fabbricante di festival, Marco Müller ha guidato fra gli altri la Mostra del Nuovo Cinema di Pesaro, i festival di Locarno e Rotterdam, la Mostra di Venezia, il Festival del Cinema di Roma.

È attualmente direttore del Centro di Ricerche sull’Arte Cinematografica all’Università di Shanghai e Professore emerito presso l’Accademia del Cinema di Shanghai; in Cina ha creato e diretto i festival di Pingyao e Macao.

Ha scritto e curato più di una ventina di volumi monografici sul cinema internazionale.

I film che ha prodotto hanno vinto premi alla Mostra di Venezia, ai Festival di Cannes, Berlino e Sundance, oltre a un Oscar per il miglior film straniero.

Continua a leggere

SPETTACOLO

Riposto: tappa del tour europeo di “Battiato l’Alieno” al museo del cantastorie siciliano

Il museo del cantastorie siciliano ieri sera ha ospitato un evento speciale: ha fatto tappa a Riposto il tour europeo di “Battiato L’Alieno” , volumetto dedicato al grande genio ripostese firmato da Alessio Cantarella e Maurizio Di Bona.

L’evento è stato organizzato dall’associazione “Il Cantastorie” di Riposto, nata intorno alla figura di Luigi Di Pino, con l’attivo apporto della vicepresidente Filippa Consoli e di Mariacarmen Russo. Sono intervenuti, oltre al coautore Alessio Cantarella, gli appassionati Sandro Vergato da Catania, Antonio La Monica da Ragusa, Pino Albano medico personale di Franco Battiato, Paolo D’Antona esperto di fisica quantistica, l’assessore alla Cultura del comune di Riposto Chiara Longo che ha portato i saluti del sindaco Davide Vasta in trasferta a Roma. Luigi Di Pino ha concluso l’incontro con una sua interpretazione di “Stranizza d’amuri” che ha attirato un coro spontaneo da parte dei presenti.

Continua a leggere

SPETTACOLO

Catania: grande successo per l’anteprima nazionale di “Un viaggio per incontrare Mimì” di Giancarlo Giannini

Standing ovation per Giancarlo Giannini al suo ingresso in un Teatro Metropolitan stracolmo, lunghi applausi a fine proiezione per gli altri protagonisti, a cominciare da Tuccio Musumeci, e il regista Alfredo Lo Piero.

Grande successo per l’anteprima nazionale di “Un viaggio per incontrare Mimì”, che ripercorre, a distanza di cinquanta anni, le stesse tappe, attraverso la Sicilia, che portarono Giannini da Palermo a Catania, prima di iniziare a girare le scene di “Mimì metallurgico”, da Corleone, Gibellina e Poggioreale fino a Catania e Aci Castello.

L’ultimo lavoro cinematografico del regista siciliano Alfredo Lo Piero, è iniziato la scorsa estate subito dopo che Giannini, appena rientrato in Italia dopo il riconoscimento della stella sulla “Walk of Fame di Hollywood”, aveva inaugurato il CINE CT, l’integration village ideato da Alfredo Lo Piero, in un borgo rurale nelle campagne di Bicocca. Il film è impreziosito dalla straordinaria partecipazione di Tuccio Musumeci, anch’egli nel cast di “Mimì metallurgico”, diretto da Lina Wertmuller, alla quale il regista Lo Piero ha dedicato “Un viaggio per incontrare Mimì”. Tra gli altri protagonisti della pellicola, Enrico Terrana e Claudio Musumeci che impersonano rispettivamente Giannini e Musumeci giovani.

Tutto il cast di attori e tecnici è composto da siciliani.

L’anteprima di “Un viaggio per incontrare Mimì” è stata preceduta dal red carpet realizzato in via Sant’Euplio, appositamente chiusa al transito, con sfilate di auto d’epoca e coreografie di danza.

Continua a leggere

Notizie più lette